L’abito “Il mago di Oz” perduto da tempo di Judy Garland forse trovato nel sacco della spazzatura

Visualizzazioni: 45
0 0
Tempo per leggere:3 Minuto, 10 Secondo

Un importante tesoro di Tinseltown era stato a lungo considerato perduto da qualche parte oltre l’arcobaleno.

Ma i membri del dipartimento di recitazione della Catholic University of America a Washington, DC, avevano la sensazione che… Judy Garland‘S “mago di Oz“i vestiti erano nascosti da qualche parte nella loro struttura, come Il Washington Post segnalato all’inizio di questo mese.


Collezione Silver Screen tramite Getty Images

Judy Garland nei panni di Dorothy Gale in “Il mago di Oz” del 1939.

Nel 1973, un articolo sul giornale studentesco del CUA La Torre descrisse un “dono prezioso” che era stato fatto alla scuola dall’attore premio Oscar Mercedes McCambridge, all’epoca artista residente nel dipartimento di teatro dell’università. McCambridge, diceva l’articolo, era un “amico intimo” di Garland, morto nel 1969.

Secondo quell’articolo, McCambridge sperava che l’abito a quadretti blu e bianco sarebbe stato “una fonte di speranza, forza e coraggio per gli studenti”.

Mercedes McCambridge nel 1943.


Archivio fotografico CBS tramite Getty Images

Mercedes McCambridge nel 1943.

Tuttavia, Matt Ripa, docente e coordinatore delle operazioni alla CUA, aveva cercato ovunque l’indumento senza fortuna, ed era quasi convinto che la sua presenza a scuola fosse reale quanto una scimmia volante.

Cioè, fino al 7 giugno, quando Ripa stava ripulendo l’edificio per una ristrutturazione e si è imbattuto in un sacco della spazzatura seduto accanto alle slot della facoltà con una nota.

“Ho trovato questo”, era tutto ciò che Thomas Donahue, un professore di teatro ora in pensione, aveva scritto nella nota.

“Ero curioso di sapere cosa c’era dentro e ho aperto il sacco della spazzatura e dentro c’era una scatola da scarpe e dentro la scatola c’era il vestito !!” Ripa ricorda in un archivio universitario post sul blog. “Non potevo crederci.”

Ripa ha detto al Post: “Sono rimasto scioccato, tenendo in mano un pezzo della storia di Hollywood”.

Poco dopo la scoperta, la CUA ha contattato Ryan Lintelman, un esperto di cimeli del “Mago di Oz”, per valutare l’autenticità dell’abito.

Lintelman è un curatore dello Smithsonian’s National Museum of American History, che ospita un paio di scintillanti pantofole color rubino indossato da Garland, un costume completo indossato dallo Spaventapasseri di Ray Bolger e una sceneggiatura originale del 1938 basata sul libro 1900 di L. Frank Baum, per rivista Smithsonian.

I curatori del museo non offrono valutazioni monetarie di oggetti storici, ma Lintelman ha fornito alcune succose intuizioni sul costume alla rivista Smithsonian.

Lintelman ha detto allo sbocco che lui e i suoi colleghi hanno stabilito che l’abito CUA “numera tra solo sei costumi conosciuti” che hanno una buona pretesa “di essere il vero affare”.

Il costume trovato di recente presenta molti componenti che condividono gli altri cinque abiti, tra cui una “tasca segreta” dove Garland avrebbe tenuto il suo fazzoletto e il nome “Judy Garland” scritto a mano sul pezzo. La calligrafia è la stessa degli altri abiti conosciuti.

CUA ora prevede di preservare l’indumento in “conservazione adeguata in un ambiente a temperatura e umidità controllata”, secondo un’università comunicato stampa.

Il vestito, ha detto la scuola, “non è più in Kansas”.



#Labito #mago #perduto #tempo #Judy #Garland #forse #trovato #nel #sacco #della #spazzatura

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *